La stagione estiva dell’Isola del Giglio non dovrebbe essere rovinata, questo per lo meno considerate le condizioni del mare che non risulta essere stato inquinato dal relitto della Costa Concordia che ancora giace di fronte alla costa.

Il capo della Protezione Civile, Franco Gabrielli che afferma ‘al Giglio ci sarà la possibilità di passare le vacanze con una normale fruibilità del mare anche se in condizioni un pò diverse per l’ ingombrante presenza’, che però potrebbe attirare molti turisti curiosi.

L’imbatto ambientale disastroso che si poteva rischiare, per fortuna, e grazie al duro lavoro  dei vigili del fuoco e di tutti i soccorritori che hanno collaborato, non c’è stato, come sottolinea lo stesso capo della Protezione Civile ‘non dimentichiamo che quando la cosa è avvenuta, al di là della presenza dei Carabinieri che erano in loco, della Capitaneria di Porto e della Guardia di finanza, la comunità gigliese ha gestito il soccorso ad oltre 4000 persone’.

‘Stiamo registrando valori assolutamente normali per la balneabilità’ spiega Gabrielli, la stagione estiva si preannuncia dunque normale.

Riferendosi invece agi abitanti del Giglio, li ringrazia per la loro collaborazione e per il senso di responsabilità che hanno dimostrato e che hanno permesso alle istituzioni di svolgere il loro lavoro.