Certi miti non tramontano mai, questo è il caso del transatlantico Rex che, fino al 1940, è stato il più grande italiano mai costruito.

Purtroppo con la seconda guerra mondiale fu distrutto, ma nel 2013 tornerà a splendere a Palazzo San Giorgio, a Genova, attraverso una mostra a lui dedicata che salperà poi per gli Stati Uniti.

Lo fanno sapere, in occasione del Salone del Libro di Torni, il Presidente dell’Autorità Portuale, Luigi Merlo, e il Presidente del Cisei (Centro Internazionale Studi Emigrazione Italiana) Fabio Capocaccia.

L’imbarcazione era stata costruita nel cantieri Ansaldo e in poco tempo era subito diventata leggenda.

La mostra è un ottimo pretesto per parlare anche degli importanti archivi degli immigrati italiani che hanno potuto identificare più di 3 milioni di nomi di emigrati in giro per il mondo dal 1797 ad oggi.

Una mostra dunque in grado di riportarci indietro nel tempo, raccontandoci la vita di bordo di quegli anni sulla Rex, immagini che non possono che portarci alla memoria lo stesso Titanic.

La mostra è a cura di Paolo Piccione, esperto di storia delle navi.