Si è aperta lo scorso primo marzo la mostra “Leonardo3. Il Mondo di Leonardo” che con anteprime mondiali e geniali rarità leonardesche animerà i quasi 500 mq delle restaurate Sale del Re del Seven Stars Galleria by TownHouse in Piazza della Scala, fino al 31 luglio. Ingresso Galleria Vittorio Emanuele II, Milano. La mostra presenta il frutto delle ricerche degli ultimi dieci anni di Mario Taddei ed Edoardo Zanon, e intende porre i riflettori sul lavoro di Leonardo come “ingegnere”, oltre che “artista”, facendo comprendere i suoi scritti, i suoi progetti, gli studi per le macchine, e le sue metodologie. Saranno presentate oltre 200 macchine interattive e modelli fisici inediti, mai ricostruiti dopo la scomparsa del maestro, realizzati nel rigoroso rispetto dei progetti originali conservati all’interno di importanti manoscritti arrivati fino ai nostri giorni. Tra le macchine esposte la Clavi-Viola, il Leone Meccanico, l’Automobile-Robot, il Cavaliere-Robot, la Bombarda multipla, e molte altre fantasiose meraviglie. Per quanto riguarda invece le anteprime mondiali saranno svelate per la prima volta in pubblico le ricostruzioni inedite del Sottomarino Meccanico, la Macchina Volante di Milano, il Cubo Magico, la Libellula Meccanica e la Macchina del tempo, alle quali saranno affiancate esperienze multimediali interattive per conoscere tutti gli aspetti progettuali. Tra le altre esperienze interattive in 3D presenti in mostra, anche le anteprime del Codice Atlantico in edizione completa, con oltre 1100 fogli consultabili digitalmente, e l’Ultima Cena in “restauro digitale”, una versione digitalizzata che consentirà per la prima volta di scoprire i colori ormai perduti del celebre dipinto milanese. E poi scritti, disegni, progetti del genio toscano che a Milano realizzò moltissime delle sue opere. Numerosi anche i laboratori per bambini e famiglie, come ad esempio il “Laboratorio di Leonardo”, dove i più piccoli potranno assemblare macchine leonardesche digitali e stampare il proprio certificato di inventore; o il “Ponte Autoportante” in cui assemblare fisicamente il modello di una ingegnosa invenzione leonardesca.

L’esposizione ha ricevuto il riconoscimento del Premio di rappresentanza del Capo dello Stato: “Un importante attestato di cui siamo davvero orgogliosi“, dichiarano Massimiliano Lisa, Mario Taddei ed Edoardo Zanon, i tre curatori della mostra. La rassegna, concepita e organizzata dal centro studi Leonardo3 (L3) di Milano, è l’evoluzione di quella del 2009 tenutasi a Vigevano. Dopo aver portato la loro personale ricerca sul Maestro rinascimentale in tutto il mondo (New York, Chicago, Toronto, Filadelfia, Tokio, Città del Messico, San Paolo, Torino, Livorno e Doha) gli organizzatori danno finalmente la possibilità anche al pubblico milanese di fruire dei propri studi, scoperte e realizzazioni. Uno degli eventi più interessanti del 2013, un appuntamento imperdibile che consente di vivere in prima persona la costruzione di alcune delle più ingegnose macchine mai concepite, della torre più alta del mondo prevista al Castello Sforzesco e di dipingere l’Ultima Cena.