Va dal parrucchiere e rischia di morire: è quello che è successo Dave Tyler, quarantacinquenne di Brighton e padre di due bambini. La vicenda assurda risale al 2001 ma solo dopo la fine della causa legale è stata diffusa dal “Daily Mail” .

Il malcapitato era andato a tagliarsi i capelli in un normalissimo salone della sua città. Solo due giorni dopo l’assurda scoperta: mentre partecipava ad una riunione di lavoro si è sentito male ed è stato subito trasportato in ospedale. I medici hanno rilevato un ictus in corso dovuto ad un coagulo di sangue probabilmente procurato da un’arteria del cervello lesionata durante il lavaggio dei capelli. Tyler, fortunatamente, si è salvato in extremis ma è stato ricoverato per tre mesi in ospedale e, adesso, cammina appoggiandosi ad un bastone e non può guidare l’auto. Un incidente drammatico la cui colpa è ricaduta ovviamente sui titolari del salone di bellezza, accusati dagli avvocati dell’uomo di non aver tutelato adeguatamente il cliente. L’attività commerciale ha dovuto assumersi le proprie responsabilità, accettando di pagare un risarcimento di 90 mila sterline, pari ad oltre 100 mila euro. Un caso assurdo che, però, pare non sia una novità: secondo il giornale, infatti, nel 2000 Pamela Crabb di Poole, nel sud dell’Inghilterra, avrebbe avuto un problema analogo, così come Elizabeth Smith che nel 2014 sarebbe stata colpita da un ictus dopo essere stata da un parrucchiere a San Diego, negli Stati Uniti.