Il piccolo Alfie Evans non ce l’ha fatta ed è morto dopo che i giudici inglesi hanno disposto il distacco delle macchine che da tempo lo tenevano in vita (era affetto da una grave malattia, ndr). A darne l’annuncio sono stati i genitori del piccolo con un post. Queste le parole del papà:

Il mio gladiatore ha posato lo scudo e ha spiccato il volo alle 2.30.

Tom Evans si dice “completamente distrutto” e aggiunge “Ti amo, ragazzo mio”.

La storia di Alfie Evans

La sua storia aveva commosso tutto il mondo visto che mamma e papà del piccolo Alfie avevano cercato in tutti i modi di far cambiare idea ai giudici inglesi, alle autorità locali e persino ai vertici dell’ospedale in cui era ricoverato. Avevano anche chiesto il trasferimento in Italia, al Bambin Gesù di Roma, per l’ultimo tentativo, per l’ultima terapia. E, invece, non gli è stato concesso nonostante l’Italia – tramite il Consiglio dei Ministri – avesse concesso in poche ore la cittadinanza a Alfie.

Non sono bastati nemmeno gli appelli di Papa Francesco che aveva promesso sostegno alla famiglia Evans. Alla fine il piccolo Alfie è deceduto alle 2.30 dopo che da giorni erano state staccate le macchine che lo tenevano in vita.