Alle 8.47, ora italiana, Donald Trump sale sul palco da Presidente degli Stati Uniti d’America: con sè i figli e la moglie. Applausi e commozione. Poi prende la parola: “Grazie infinite, scusate se vi ho fatto attendere ma è stato molto complicato”. E poi svela: “Ho appena ricevuto una telefonata da parte di Hillary Clinton che ha fatto a tutti noi le congratulazioni, per la nostra vittoria. E’ stata una campagna combattuta duramente, lei l’ha combattuta con tutta se stessa. Hillary ha lavorato sodo per moltissimo tempo, la ringraziamo per il servizio che ha reso per il nostro Paese. Ora è giunto il momento che l’America torni ad essere unita, a tutti voi dico che è il momento di unirci come un unico popolo unito. E’ giunto il momento”.

Donald Trump e la ricostruzione dell’America

“Prometto che sarò il presidente di tutti gli americani, il nostro Paese dovrà unificarsi. La nostra campagna è stata un movimento incredibile, composto da milioni di persone che amano il proprio Paese e che vogliono un futuro brillante. Il Governo deve essere al servizio della gente, lavoreremo insieme e così inizieremo a ricostruire la nostra nazione, rinnovando il sogno americano“ ha dichiarato Donald Trump.

E ancora: “Abbiamo un grande progetto economico, avremo l’economia più forte al mondo. Cercheremo di andare d’accordo con tutti i Paesi che vorranno andare d’accordo con noi. Saremo giusti anche con gli altri popoli. Avremo buoni rapporti con tutti. Non siamo secondi a nessuno e per questo ogni americano dovrà realizzare i propri sogni. Dobbiamo sognare solo il meglio per il nostro Paese. Ricostruiremo, infatti, strade, ospedali, autostrade e aeroporti. Ricostruiremo tutte le infrastrutture americane” ha aggiunto il nuovo Presidente degli Stati Uniti d’America.

Il primo discorso da presidente per Donald Trump

“Io amo questo paese, è stata una notte straordinaria”, si conclude così il discorso di Donald Trump.