Era stato realizzato per superare la bretella autostradale e, quindi, evitare il traffico ma non è mai stato utilizzato. Il sottopasso di San Giuliano a Milano, infatti, è letteralmente allagato da 4 anni, con 6 milioni di litri di acqua che lo rendono inutilizzabile a piedi.

Così alcuni attivisti di Sinistra Ecologia e Libertà hanno pensato ad una forma originale di protesta: attraversare quel pezzo di strada a bordo di una canoa.

L’opera nel complesso è costata 7 milioni di euro e l’intervento per rimettere in sesto le pompe idrauliche danneggiate, che servono ad aspirare le acque piovane, è stimato sui 50 mila euro, come spiega il capogruppo di Sel Mario Molteno a Tg Com 24: “Le promesse dell’amministrazione comunale, però, non sono mai state portate a compimento”.

“Sarebbe una via di comunicazione molto utile, peccato non si sia mai potuta utilizzare, -spiegano i residenti in zona- Mitigherebbe il traffico nelle ore di punta“.