Si chiama Lauren McDowell ha 13 anni e un bel giorno si è presentata a scuola con un’acconciatura davvero singolare: capelli rasati da un lato con delle meches leopardate.

La nuova capigliatura però, non è stata vista di buon occhio dai dirigenti scolastici che hanno letteralmente cacciato la ragazza da scuola, il Forge Valley School di Sheffield nel South Yorkshire, rimandandola a casa perché il taglio di capelli risulterebbe volgare e inadeguato.

Per quanto mi riguarda -ha affermato la madre della giovane al Mirror- si tratta di una violazione dei diritti umani nei confronti di mia figlia. Nessuno ha il diritto di dire a qualcuno cosa fare con il proprio corpo -accusa la donna- lei non ha ceduto i suoi diritti alla scuola prima di iscriversi, è mia figlia e decido io per lei. In questo modo non incoraggiano i ragazzi a esprimere la propria personalità”.

La ragazza, sempre secondo quanto racconta il sito inglese, in passato è stata vittima di bullismo e nel corso degli ultimi anni aveva lavorato molto sulla sua personalità per ritrovare l’autostima perduta. “Ora è moralmente devastata -conclude la madre- ama la scuola, è una bravissima alunna e lavora sodo. Cosa c’entrano i capelli con la sua formazione didattica?”.

https://twitter.com/DailyMirror/status/641559818893959168

Ma il preside Dale Barrowclough, non si scompone e ribadisce che il regolamento dell’istituto “afferma chiaramente che tagli di capelli estremi, compreso il colore dei capelli, non sono ammessi. Ho deciso di mandare a casa la ragazza per porre rimedio a questa violazione della politica scolastica” ha affermato.

Mamma Yvonne però continua a sostenere di non essere mai stata messa a conoscenza di una politica scolastica sui tagli di capelli.