Tra le domande che Fabio Fazio ha rivolto a Pier Luigi Bersani e Matteo Renzi nella puntata di lunedì 26 novembre di “Che tempo che fa”, durante il confronto indiretto sul ballottaggio per le primarie del centrosinistra, anche una sulla situazione all’Ilva di Taranto, dopo la notizia odierna dei sette arresti tra i personaggi di spicco legati alla grave vicenda della grande acciaieria.
Il segretario del Pd, Bersani, ha commentato: “La situazione è di una drammaticità assoluta. Sta diventando un pasticcio di dimensioni cosmiche. Ci sono due poteri dello Stato che intervengono in due modi opposti. Spero che il Governo prenda un orientamento per arrivare ad una chiarezza anche normativa”.
Queste sono invece le parole del sindaco di Firenze, Renzi: “Una delle vicende più drammatiche degli ultimi venti anni. L’Ilva è il simbolo di una privatizzazione farlocca, passatemi il termine. Si è consentito al privato di acquistare l’azienda senza chiedere la garanzia di un serio piano di bonifica ambientale. E la famiglia Riva dovrà pagare per questo. Io penso che ormai ci siano le condizioni per un intervento chiaro, anche a livello normativo. Non possiamo prendercela con i giudici quando dicono che i tumori stanno aumentando; ma non possiamo nemmeno chiudere il secondo impianto d’Italia”.

LINK UTILI:

Ilva arresti: chiude lo stabilimento di Taranto, rischio chiusura anche per gli altri

Ilva arresti: sette richieste di custodia, sequestrata la produzione, Ferrante indagato

Ilva arresti: pesanti accuse di corruzione per falsificare i rapporti sull’inquinamento

Ilva di Taranto, 7 arresti: chiude lo stabilimento

Primarie centrosinistra: Bersani da Fazio, usato sicuro con riforme vere

Primarie centrosinistra: Renzi da Fazio, il ballottaggio è un referendum per il futuro