Oggi pomeriggio, come preannunciato dal premier Enrico letta, è previsto a Palazzo Chigi il vertice per definire i dettagli della missione militare-umanitaria “Mare sicuro” nel Mediterraneo.

Dato che l’emergenza sbarchi è ben lontana da terminare, l’obiettivo è evitare nuove tragedie del mare come quella al largo di Lampedusa dove hanno perso la vita oltre 300 persone. Al summit parteciperanno i ministri della Difesa, degli Esteri e dell’Interno e, ovviamente, il premier Enrico Letta che ha voluto per primo questa iniziativa. Si tratterà di pattugliamenti che da ora avverranno grazie ai mezzi della Marina Militare, imbarcazioni, aerei ed elicotteri. L’esercito insomma aiuterà i migranti che attraverseranno il Mediterraneo in cerca di una vita migliore.

Intanto è attraccata a Porto Empedocle la “Cassiopea”, la nave della marina militare partita questa mattina da Lampedusa con a bordo 150 bare delle vittime del naufragio del 3 ottobre scorso, i testimoni riferiscono di scene molto toccanti.

Ieri le parole dei sopravvissuti dell’ultimo naufragio che avevano ancora in mente la spaventosa esperienza vissuta,“A bordo eravamo 400 e i libici ci hanno sparato addosso” .