Lasciano stupefatti le immagini che arrivano dalla polizia addetta al controllo del valico ferroviario di Chiasso, in Svizzera: un immigrato eritreo tenta la carta della disperazione, infilandosi all’interno di un trolley pur di poter varcare il confine.

Purtroppo per lui la trovata viene individuata dalle guardie di confine, che nell’ultimo periodo stanno fronteggiando un incremento dei tentativi di passaggio della frontiere da parte dei migranti sbarcati nella penisola dal Mediterraneo e intenzionati a lasciare il nostro Paese.

Stando alle informazioni raccolte dalle autorità un ventunenne di origini eritree sarebbe arrivato a bordo di un treno proveniente dalla stazione centrale di Milano con il connazionale nascosto – con doti da contorsionista – nella valigia.

Un controllo di routine aveva verificato che i documenti del ragazzo non erano in regola, ed è allora che gli agenti della polizia hanno deciso di aprire la valigia al seguito, che ha così rivelato il suo disperato carico, che stava rischiando il soffocamento.

I due immigrati sono stati respinti verso l’Italia. Solo nell’ultima settima sarebbero state intercettate più di 1000 persone, la maggior parte dei quali originari proprio dell’Etiopia o dell’Eritrea.

Coloro che erano già identificati in Italia sono stati rispediti oltre il confine, come da norme stabilite dagli accordi di Dublino; gli altri invece hanno potuto avviare le pratiche per la richiesta di asilo politico in Svizzera, meta finale del loro viaggio della speranza.