Lo scontro è sempre sull’Imu, ma questa vola il Popolo delle Libertà ci va giù duro, chiedendo l’allontanamento del Ministro Saccomanni, titolare dell’Economia. Ma il Premier Enrico Letta scende in campo deciso per difendere il suo Ministro e lo scontro (per ora dialettico…) tra le parti è innescato-

Per il Popolo delle Libertà l’ex dirigente di Bankitalia è “inadeguato” per sciogliere i principali nodi fiscali, come le coperture per Imu e Iva: “Chi attacca Saccomanni, attacca tutto il governo”, ha tagliato corto Dario Franceschini. Mercoledì ci sarà la riunione tra governo e partiti, che dovrebbe sulla carta mettere nero su bianco i primi punti della riforma della tassazione complessiva degli immobili. Il Pdl chiede l’abolizione totale dell’Imu: “C’è una zona grigia al Tesoro – denuncia Fabrizio Cicchitto - che scavalca governo e ministri per collegarsi direttamente con ambienti dell’Unione Europea e del Fmi, per invitarli ad interventi restrittivi”. Maurizio Gasparri lancia l’invettiva contro Saccomanni, con il quale il governo “non va da nessuna parte mentre serve un ministro vero e autorevole – precisa - al Tesoro studino quanto vogliono ma alla fine l’Imu va abolita su tutte le prime case”.

Il disegno è chiaro: il partito di Silvio Berlusconi è pronto a staccare la spina al governo se non verrà mantenuta la promessa sull’Imu. Letta, per ora, ribadisce la sua totale fiducia in Saccomanni. Ma la guerra sembra essere appena cominciata.