Terribile incidente ferroviario quello che è stato riscontrato alla stazione di Cucciago: un uomo è rimasto incastrato nella porta del treno, venendo trascinato per circa trenta minuti dal convoglio in corsa.

Il treno era partito nella giornata di ieri da Albate alle 13.28, con destinazione Porta Garibaldi a Milano. Solo dopo svariati chilometri ci si è accorti della gamba maschile che fuoriusciva dalle porte della carrozza.

Secondo alcune testimonianze alcuni passeggeri avrebbero provato a salire sul treno nel momento appena precedente alla chiusura delle porte: qualcuno era riuscito a salire, come per esempio uno straniero di 27 anni che afferma di aver visto cosa stava accadendo all’uomo trascinato dal treno in corsa.

Il ventisettenne non è riuscito a dare l’allarme in tempo perché si sarebbe sentito male davanti alla scena, perdendo i sensi, per quanto probabilmente anche un intervento tempestivo avrebbe potuto fare poco per salvare la vita allo sconosciuto. A causa del pauroso incidente la linea è stata interrotta sino alle 17.35, e per ovviare ai disagi è stata disposta una flotta di bus sostitutivi.

Si sta infatti tentando di ricostruire l’identità della vittima dell’incidente, in attesa del recupero dei documenti. Difficile fare previsioni sulla provenienza geografica, per quanto al momento, dalla poche indicazioni raccolte dal cadavere ritrovato in condizioni orribili, si sappia solo che si tratta di una persona di razza caucasica.

Gli inquirenti, guidati dal sostituto procuratore di Como Mariano Fadda, stanno lavorando insieme a Trenord, che nel frattempo ha avviato un’inchiesta interna per ricostruire la dinamica dell’accaduto.