Continua l’emergenza incendi in Sicilia, in particolar modo nella zone del Messinese e di Enna.

Attivi su vari fronti gli uomini della Forestale, i vigili del fuoco e i volontari della Protezione Civile, che stanno facendo di tutto per sedare i roghi scoppiati nelle aree di Scaletta Zanclea e Letojanni.

Coinvolta nell’emergenza anche il Trapanese, dove desta preoccupazione la situazione creatasi in contrada Micari a San Vito Lo Capo: sono svariati gli ettari di vegetazioni andati in fumo, per i quali è stato richiesto anche l’intervento del Canadair.

Si segnala inoltro un ulteriore incendio tra Calascibetta ed Enna, che ha avuto conseguenze anche per la viabilità, essendo stata chiusa parzialmente la A19 per agevolare i mezzi antincendio. Le fiamme hanno lambito il cimitero.

Testimoni hanno parlato di fiamme molto vicine alle macchine, con tamponamenti a catena e fumo molto denso. Solo in serata la situazione ha preso a migliorare nell’intera zona, dato che i focolai più estesi sono stati circoscritti.

La morsa degli incendi nelle colline e nelle pinete che sovrastano la città dello stretto ha attanagliato anche ieri la zona. In serata la situazione è migliorata e i focolai più vasti sono stati domati. Ma alcuni residenti nella vallata di Enna hanno dovuto lasciare velocemente le proprie case per il grave rischio venutosi a creare, a volte anche con gli animali delle fattorie, mentre altri ancora sono stati fatti evacuare direttamente dai soccorritori.