Incendio in negozio di Palermo: il marito e proprietario muore per salvare la moglie che è rimasta ferita ma non è in pericolo di vita. L’incendio è divampato per cause accidentali, probabilmente un corto circuito nel negozio, all’interno della cartoleria al piano terra ma le fiamme hanno raggiunto anche l’appartamento al primo piano dove c’era la donna.

Il proprietario dell’esercizio commerciale e marito della donna ferita ha perso la vita all’età di 77 anni, si chiamava Michelangelo Abbate e questa mattina è rimasto vittima delle fiamme. L’uomo si trovava insieme al figlio nel loro negozio di cartoleria e sanitaria a Palermo quando scoppiato l’incendio è salito al primo piano della palazzina per soccorrere la moglie ma è rimasto intrappolato dalle alte fiamme alimentate da alcuni prodotti altamente infiammabili.

Il figlio e la donna hanno bruciature sulle mani ma si sono rifiutati di andare in ospedale con l’ambulanza del 118 accorsa sul luogo dell’incendio per prestare i primi soccorsi. Una vicina di casa della famiglia è stata assistita e trasportata in ospedale dai sanitari in crisi di panico per l’accaduto.

I Vigili del Fuoco di Palermo avranno il compito di capire quale sia stata la causa che ha fatto divampare l’incendio nella cartoleria e sanitaria di Palermo.