Una festa di compleanno sciagurata, in uno scenario quanto insolito quanto pericoloso. E organizzata da un padre goliardico. Diversi compagni di classe, fra i 12 e 13 anni, hanno deciso di festeggiare in una cava di sabbia in Contrada Remondada a Cuggiono. Come riporta l’Ansa in sedici sono saliti su una benna di un escavatore, guidato dal padre del festeggiato e proprietario della cava, per fare un giro innocente. Ma il mezzo ha avuto un problema subendo un sobbalzo a causa del dislivello del terreno, e in dieci sono caduti a terra.

Sul posto sono giunte tre automediche, sette ambulanze e diversi mezzi dei pompieri che hanno lavorato per ore. Due bimbi, entrambi dodicenni, sono in pericolo di vita: il più grave è ricoverato all’ospedale di Legnano e ha riportato lo schiacciamento del bacino e dell’addome e rischia di perdere una gamba. Il secondo ha subito un serio trauma cranico: trasportato all’ospedale di Magenta in codice giallo è peggiorato perdendo conoscenza ed è stato spostato all’ospedale Niguarda con prognosi riservata. Gli altre otto hanno riportato solo contusioni e sospette fratture: medicati sul posto, sono rientrati a casa mentre un paio stavano valutando il ricovero.

L’incidente è accaduto dopo le 20,15: il proprietario della cava, il 39enne Maurizio Valentini 39 anni, è rimasto illeso insieme al figlio e ha subito chiamato i soccorsi ma rischia una denuncia per lesioni colpose sperando che i due minorenni in pericolo di vita non abbiano conseguenze più gravi.