Due alpinisti esperti sono morti in un tragico incidente in montagna durante un’escursione sulla ferrata ‘Rose d’Inverno’ in Val Rosandra vicino a Trieste. Le ricerche da parte del Soccorso Alpino sono partite la segnalazione di scomparsa, avvenuta in serata, lanciata dai parenti. I due alpinisti sono stat trovati privi di vita in tarda serata, ancora appesi in pareti, e secondo i soccorritori potrebbero essere morti per sfinimento dopo essere rimasti per ore sotto il sole. Una delle vittime è un alpinista triestino di 84 anni. Si sta procedendo con il riconoscimento del secondo escursionista, che non aveva documenti: si tratterebbe anche in questo caso di una persona anziana.

Le dinamiche dell’incidente nono sono ancora chiara ma pare che non siano stati coinvolti in cadute di rocce dalla parete. Probabilmente il capo-cordata ha perso l’appiglio e così ha trascinato via anche il compagno a lui legato, i due poi non sarebbero più riusciti ad avvicinarsi alla parete per mettersi in salvo.

L’età anziana delle due vittime è stata una componente che non ha avvantaggiato in quanto la morte per disidratazione è effettivamente più frequente. Il soccorso alpino si raccomanda di affrontare le escursioni in montagna fisicamente preparati e con tutte le attrezzature idonee per una ferrata.