È agghiacciante quanto accaduto in California dove una donna, incinta di 8 mesi, è morta investita in auto mentre era al telefono col marito che, di fatto, ha assistito – seppur a distanza – agli ultimi momenti di vita della moglie. Una fine atroce. La ragazza, infatti, che aveva soltanto 29 anni, si trovava al volante di un furgoncino quando un’altra auto, guidata da un pugile cubano, forse ubriaco, l’ha travolta uccidendola. Il marito ha sentito tutto, persino l’urlo disperato. Questo l’ultimo ricordo che ha della moglie, all’ottavo mese di gravidanza.

L’uomo ha trovato la forza di condividere sui social un video in ricordo di sua moglie che aveva già tre figli, una femmina di 11 anni e due maschi di 8 e 4 anni, oltre a un figliastro di 14:

Questi sono i miei ultimi momenti con Krystil, sto morendo dentro. L’unica cosa buona di questa storia è che ci sarà un persona che riceverà nuovi polmoni, una persona che si prenderà un fegato, una persona che avrà un rene e un cuore. Mi ricorderò per sempre del nostro amore quando guarderò negli occhi i nostri figli. Rifarei di nuovo tutto da capo, nel bene e nel male. Ora riposa.

E ancora:

Ho sentito lo schianto, poi il silenzio, ho sentito la gente che cercava di tirarla fuori e che parlava di un incendio a bordo.

Inutile la corsa in ospedale. Sia lei che il piccolo che aveva in grembo sono deceduti quasi subito.

“La mia vita è stata piena di difficoltà, ma questa è la più grande mai incontrata. Ho detto ai miei piccoli che un autista ubriaco ha ucciso la loro mamma: il dolore e la rabbia che provo nell’anima è incommensurabile, il mio cuore è spezzato” ha dichiarato. L’uomo che l’avrebbe investita, invece, secondo i media locali, si sarebbe messo a girare un livestreaming sui social:

Ragazzi, mi è apparsa una macchina davanti e guardate cos’è successo alla mia Bmw!

Davanti alla Corte si è dichiarato non colpevole del reato di omicidio colposo: ora, però, è in carcere.