In India un aereo militare che trasportava 29 persone è scomparso completamente dai radar e dai mezzi di ricognizione mentre attraversava il Golfo del Bengala.

Il velivolo interessato è un Antonov An-32, partito pochi minuti prima dalla regione del Chennai, sulla costa, e diretto verso Port Blair, nel distretto meridionale di Andaman.

Il volo aveva preso il via alle 8 del mattino e sarebbe dovuto giungere a destinazione alle 11.30, ma dopo soli 15 minuti si è riscontrata una perdita di contatto tra le torri di controllo e i piloti, nonché il silenzio totale della strumentazione a bordo.

Il ministero della Difesa dell’India ha lanciato l’allarme e sono state predisposte le operazioni di individuazione e di soccorso, nel caso: coinvolti due aerei addetti alla ricognizione in volo, mentre quattro navi sono state inviate presso il Golfo del Bengala per pattugliare la zona.

Tra i 29 passeggeri dell’aereo erano presenti 11 militari della marina, tre piloti dell’aeronautica, sei membri dell’equipaggio e un membro della Guardia costiera.

Alle operazioni stanno partecipando sia la marina che l’aeronautica che la guardia costiera. In tutto sono più di 100 gli Antonov-32 in possesso dell’esercito indiano.

Grazie alle sue caratteristiche il mezzo è in grado di sostenere quattro ore di volo senza rifornimento, un limite che potrebbe essere già stato raggiunto in questi attimi.