L’energia solare restituirà i fiumi a una nuova vita, depurandoli dalle sostanze inquinanti. L’idea è di Sebastián Zanetti, uno studente universitario argentino che ha creato una singolare boa solare in grado di ripulire i fiumi, arginando il problema dell’inquinamento delle acque dolci, una piaga ambientale che affligge soprattutto i Paesi in via di sviluppo. Le nazioni più povere, infatti, non hanno le risorse economiche necessarie all’acquisto di sistemi di depurazione moderni ed efficienti. Ogni anno migliaia di persone muoiono per aver utilizzato acqua infetta per lavarsi o cucinare.

Il rivoluzionario sistema progettato dallo studente di architettura potrebbe fornire un modo economico per depurare i fiumi. Il progetto, denominato Agua viva (Acqua Viva), è stato premiato nell’ambito del quinto Congreso Internacional Solar Cities di Buenos Aires. La tecnologia è piuttosto semplice:  il pannello fotovoltaico posto sulla boa fornisce energia pulita alle tre pompe subacquee che iniettano flussi di ossigeno nel fiume. I corsi d’acqua inquinati possono così tornare a “respirare”. L’ossigeno, infatti, restituisce nuova linfa agli ecosistemi fluviali, liberando la flora e la fauna dalle sostanze contaminanti che soffocano la vita acquatica.

L’azione delle pompe permette alle acque fluviali un maggior scambio con l’aria in superficie, assicurando una corretta ossigenazione al fiume ed evitando il ristagno delle particelle inquinanti. Il progetto dovrà passare attraverso studi di fattibilità prima di vedere la luce. Zanetti si mostra più che fiducioso sulle future applicazioni della sua boa solare poiché si tratta di un sistema estremamente versatile e poco invasivo:

Ho cercato di progettare un oggetto adattabile a qualunque sistema naturale o artificiale che lo richieda e che necessita solo del sole per funzionare, ha spiegato lo studente. Le rinnovabili, oltre a non generare emissioni di gas serra, sono in grado di adattarsi a situazioni differenti o addirittura, in alcuni casi, essere l’unica soluzione possibile, o almeno quella più appropriata.

La boa solare che ripulisce i fiumi potrebbe presto entrare in funzione proprio in Argentina, nel corso d’acqua che ne ha ispirato la creazione: il fiume Matanza che detiene la maglia nera per l’inquinamento delle acque.

Photo Credits: agenciacyta.org