Questa mattina era presente anche il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, alla cerimonia di insediamento del nuovo Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. L’ex Cavaliere, che proprio ieri ha beneficiato di uno sconto di pena e che proprio per questo terminerà i servizi sociali il prossimo 8 marzo anziché il 23 aprile, ha rilasciato alcune dichiarazioni piuttosto d’effetto nel corso della cerimonia di insediamento di stamani.

Insediamento Presidente: le battute con Renzi

Il primo scambio di battute di Silvio Berlusconi è avvenuto con il Premier, Matteo Renzi. Quest’ultimo si è avvicinato al leader di Forza Italia per presentargli il Ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan e Berlusconi, scherzando, gli avrebbe detto: “Spero che non sia birichino come te“. Renzi non poteva ovviamente farsi scappare l’occasione di rispondere a tono e così è stato: “Il bello è che io lo sono meno di te“.

Berlusconi si è espresso anche in merito al Patto del Nazareno, sebbene non l’abbia fatto direttamente. Amareggiato dalla scelta di far eleggere Mattarella senza aver consultato Forza Italia, Berlusconi ha dichiarato che d’ora in poi il suo partito, in merito alle riforme, dirà sì soltanto alla cose su cui è pienamente convinto.

Insediamento Presidente: la frecciatina a Rosy Bindi

Che Silvio Berlusconi non fosse mai stato troppo galante nei confronti di Rosy Bindi è storia assai vecchia, che oggi si condisce di un altro particolare. L’ex Cavaliere si sarebbe avvicinato alla parlamentare e le avrebbe detto: “Ho visto che ha versato lacrime di commozione. Non ci aspettavamo da un uomo, pardon da una donna, come Bindi, tante lacrime“. Insomma, una battuta tutt’altro che gentile, cui la Bindi avrebbe risposto : “E io mi aspettavo da lei che fosse diventato un po più galante“.

Foto: InfoPhoto