La nostra meravigliosa lingua è oggi esposta a un processo di degrado e impoverimento, tra banalizzazione, turpiloquio, e riduzione del lessico.  Le parole sono importanti attua un’ostinata ricerca di un italiano bello, capace anche di recuperare la grazia di tante parole ricercate oramai cadute in disuso. Oggi, ad esempio, propone l’aggettivo

INTONSO: dal lat. intonsu(m), composto di in tonsus, part. pass. di tondere ‘radere, tosare’, che non è stato tagliato. In senso figurato indicando un libro a cui non sono state tagliate le piegature dei fogli, per estensione, quindi, non ancora letto.

Sinonimi: intatto, non raffilato, non rifilato, non tagliato, non tosato, non usato, nuovo.
Contrari: danneggiato, sgualcito, usato

Alcuni esempi:

Chioma intonsa

“Pagine intonse”

LEGGI ANCHE:

Il significato di periglioso.

Cosa vuol dire “edule”

Che vuol dire “celodurismo”

Cosa si intende per “soccida”

Il significato di “ghiribizzo”

Cosa vuol dire “smargiasso”?