Isabella Ferrari e Jean-Marc Barr sono i protagonisti del nuovo film di Paolo Franchi, presentato al Festival Internazionale del Film di Roma, intitolato ‘E la chiamano Estate”.

“Volevo raccontare un amore fuori dai canoni che la società ci propone, fuori dai ‘Baci Perugina’ ”, ha commentato il regista parlando del film cui protagonisti sono Dino e Anna, una coppia di mezza età che, pur amandosi, non ha mai avuto un rapporto di tipo fisico.

Dino è un anestesista frequentatore dell’ambiente degli scambisti e delle prostitute, ma è profondamente legato ad Anna.

Il film, prodotto da Nicoletta Mantovani, è caratterizzato anche da scene di nudo molto forti, che, Isabella Ferrari non ha trovato per nulla imbarazzanti, anzi “per la prima volta nella mia vita: mi son sentita totalmente libera senza costruzione né angoscia”.

Dal canto suo, la Mantovani ha dichiarato, in merito al film, “l’ho scelto perché il copione parlava dolore, magari sotto forma di metafora esagerata parla di quel che succede in tante coppie, ma non è un’analisi psicologica, non è un documentario, è un film”.