Iscrizioni alle scuole primarie, medie e superiori solo online per il prossimo anno scolastico 2013-2014. A partire da oggi, infatti, sarà possibile iscrivere i propri figli a tutte le classi iniziali dei corsi di studio (a eccezione della scuola per l’infanzia), solo ed esclusivamente tramite Internet. Una modalità già possibile dall’anno scorso in maniera facoltativa, ma ora diventata obbligatoria per le scuole statali (per le private l’obbligo non c’è) con il decreto legge per la spending review.

Le famiglie per poter effettuare l’iscrizione on line devono possedere in primis un computer ed un indirizzo di posta elettronica. Quindi possono individuare la scuola che interessa, compilare la domanda in tutte le sue parti, registrarla e inviarla alla scuola di destinazione attraverso il sistema “Iscrizioni on line”, raggiungibile dal sito del ministero o, preferibilmente, dall’indirizzo web www.iscrizioni.istruzione.it in modo diretto. Il sistema “Iscrizioni on line” si farà carico di avvisare le famiglie, via posta elettronica, in tempo reale dell’avvenuta registrazione o delle variazioni di stato della domanda. La famiglia, inoltre, attraverso una funzione web potrà in ogni momento seguire l’iter della domanda inoltrata. In caso di genitori separati o divorziati, se l’affidamento non è congiunto, la domanda d’iscrizione presentata on line deve essere perfezionata presso la scuola entro l’avvio del nuovo anno scolastico.

Il Ministero dell’Istruzione, per andare incontro alle famiglie, ha previsto che le scuole, sia quelle destinatarie delle domande sia quelle di provenienza, offrano un servizio di assistenza a coloro che non possiedono, a casa propria, un collegamento internet o che hanno poca dimestichezza con la tecnologia.

E’ importante ricordare che può essere presentata una sola domanda e, in previsione di richieste di iscrizione in eccedenza, le scuole procederà alla definizione di criteri di precedenza nella ammissione con una delibera del Consiglio di istituto e solo per estrema “ratio” verranno preso in considerazione il sistema del sorteggio. Nulla muta, invece, per quanto riguarda la scelta dell’insegnamento della religione cattolica e delle attività alternative.

Anche per quest’anno è possibile iscrivere i bimbi “in anticipo” cioè a 2 anni e mezzo alla materna e a 5 anni e mezzo alla primaria. Fatta salva la disponibilità di posti. Incerto, invece, il destino delle sezioni primavera (quelle che accolgono i bimbi fra 2 e 3 anni): “Poiché al termine dell’anno scolastico 2012/2013 viene a scadere l’accordo in Conferenza unificata sulle sezioni primavera, si fa riserva di fornire indicazioni in merito alle iscrizioni per l’anno 2013/2014 non appena sarà siglato il nuovo accordo”, spiega il ministero.

Il termine di scadenza per le iscrizioni è stato fissato al 28 febbraio.

LINK CORRELATI:

photo credit: mbeo via photopin cc