Isis e Al Qaeda sarebbero pronte ad unire le proprie forze per combattere contro Russia e Paesi occidentali presenti in Siria e in Iraq. Sarebbe stato lo stesso leader di Al Qaeda a lanciare la chiamata all’unione: Ayman Al Zawahri avrebbe chiesto a tutti i fratelli mujaheddin di formare un unico fronte compatto con l’Occidente.

A riferire tale appello è stata l’agenzia di stampa Reuters, che per scrivere la notizia si sarebbe servita di un messaggio audio di un terrorista egiziano diffuso nei giorni scorso. Ebbene, il messaggio sarebbe piuttosto chiaro: Isis e Al Qaeda starebbero cercando di fare fronte comune contro i nemici occidentali.

Non si tratterebbe in ogni caso della prima volta che una cosa del genere accade: Al Zawahiri avrebbe già espresso in passato la volontà di creare un’alleanza tra Isis e Al Qaeda, anche se i rapporti tra le due fazioni di estremisti islamici non sono stati mai troppo sereni e cordiali. Soltanto un mese fa, infatti, il leader di Al Qaeda avrebbe definito l’Isis illegittimo, nonostante il nuovo Stato Islamico si ponga obiettivi molto simili a quelli di Al Qaeda stessa.

Ad ogni modo, i rapporti tesi tra Isis e Al Qaeda sembrano appartenere soltanto al passato e il messaggio citato da Reuters ne sarebbe la prova evidente. Nell’audio si sentirebbe: “Americani, russi, iraniani, alawiti e hezbollah stanno coordinando la loro guerra contro di noi, e noi non siamo capaci di sospendere le nostre lotte interne per unirci contro di loro? Fratelli mujahedeen di tutti i luoghi e di tutti i gruppi, siate pronti a fronteggiare l’aggressione di America, Russia e Europa restando uniti dal Turkestan al Marocco“.

Non è stato ancora reso noto il periodo in cui il messaggio possa essere stato registrato ma dai riferimenti all’attacco della Russia, è molto probabile che esso sia stato registrato dopo l’inizio dei bombardamenti russi in Siria.