I terroristi dell’Isis sarebbero in grado di stampare falsi passaporti siriani con cui potrebbero eludere i controlli ed entrare negli Stati Uniti. L’allarme è stato lanciato da James Comey, il direttore dell’FBI, il quale ha affermato che lo Stato Islamico sarebbe in possesso di almeno un macchinario specializzato nella stampa di autentici passaporti grazie ai quali gli agenti terroristici potrebbero essere accolti come rifugiati siriani.

Lo scorso mercoledì il dirigente del Federal Bureau of Investigation ha offerto la propria testimonianza alla Commissione Giudiziaria del Senato, durante il quale si è discusso del rapporto di 17 pagine che la Homeland Security Investigations ha inviato alle forze dell’ordine.

Nei documenti è stato evidenziato come l’Isis sia riuscita a procurarsi il macchinario sopraccitato durante un raid nella città di Deir ez-Zour avvenuto durante la scorsa estate dove per l’appunto è presente un ufficio deputato all’operazione, simile a quello presente a Raqqa, di fatto divenuta la capitale dello Stato Islamico.

Nel report si legge che “dato che sono passati circa 17 mesi dalla conquista di Raqqa e Deir ez-Zour, è possibile che alcuni individui provenienti dalla Sirai con passaporti stampati in queste città controllate dall’Isis o con documenti rilasciati in bianco potrebbero essere entrati negli Stati Uniti”.

L’ex ufficiale dell’Homaland Security Intelligenze, John Cohen, ha dichiarato che una prospettiva del genere rappresenterebbe un enorme rischio per la sicurezza degli Stati Uniti. D’altro canto falsi passaporti sono già stati scoperti in Europa, come per esempio quelli scoperti addosso ai kamikaze degli attentati di Parigi (anche se si pensa che possano essere stati utilizzati come mezzo per fomentare la propaganda contro i rifugiati).

Da quanto afferma il documento l’intera Siria sarebbe stipata di questi documenti falsificati, al punto tale che gli stessi siriani non ne riconoscerebbero più il possesso come un reato. Una fonte citata dal report dichiara che nel Paese bastano dai 200 ai 400 dollari per ottenere un passaporto, e che per la stessa cifra si possono ottenere anche timbri retrodatati.