Davanti alla stampa il premier israeliano Benyamin Netanyahu ha mostrato il carico di armi della nave proveniente dall’Iran intercettata dall’esercito israeliano nei pressi della costa del Sudan.

“La volontà di ignorare la vera politica dell’Iran è da irresponsabili”, ha detto Netanyahu che ha aggiunto, Quelli che cadono in questo inganno devono svegliarsi. Ho sentito poche condanne da parte della comunità internazionale sull’episodio della nave: e’ l’epoca dell’ipocrisia”.

Il primo ministro israeliano ha mostrato tutte le armi che erano state inviate da Teheran verso Gaza e ha detto, “C’è un’ondata di condanne quando Israele costruisce un balcone a Gerusalemme”, con allo sfondo le armi sequestrate, nel porto di Eilat, invece, ha aggiunto, “ho sentito solo condanne deboli e isolate da parte della comunità internazionale su questo carico letale”.

Critiche da Israele anche nei confronti dell’occidente che dialoga con l’Iran, “siamo stati testimoni di sorrisi e strette di mano a Teheran fra rappresentanti dell’Occidente e dell’Iran, proprio mentre questi missili venivano scaricati a Eilat”.

Natanyahu prende di mira direttamente l’Alto rappresentante per gli Affari esteri e la Politica di sicurezza dell’Ue Catherine Ashton, “Vorrei chiedere alla signora Ashton se durante la visita a Teheran ha chiesto ai suoi ospiti della spedizione di armi alle organizzazioni terroristiche. E se non lo ha chiesto: perché no?”, e ha aggiunto,Nessuno ha il diritto d’ignorare le attività del regime iraniano“.

Il premier israeliano poi ha aggiunto, “vi illudete che l’Iran abbia cambiato direzione ma i fatti provano l’opposto. Oggi i container contengono missili a lungo raggio, ma in futuro l’Iran può armare valigette nucleari da mandare in ogni porto del mondo”.

Per questo il mondo deve svegliarsi dalle sue illusioni prima che sia troppo tardi e impedire che l’Iran ottenga la capacità di realizzare armi nucleari”.