Issey Miyake, con la sua AW 2014, prosegue il viaggio verso il cuore della natura intrapreso con la pre-fall.

Il designer giapponese si lascia infatti ispirare dalle foreste per dare vita a capi sinuosi e dinamici al tempo stesso, capaci di esaltare la silhouette femminile pur giocando con forme oversize.
A far da padroni sono così plissé curvi, fil rouge dell’intera collezione, che definiscono giacche, camicie e abiti sagomati, donando loro nuove prospettive.

La natura è una musa ricca di risorse per Issey Miyake, che non si limita a richiamarne le linee, ma che da essa trae spunto per sporcare la palette cromatica.
I colori si fanno così caldi, talvolta cupi, ma sempre misurati, per un inverno che non vuole tingersi di solo nero e grigio ma che vuole giocare con le nuances più polverose e naturali.

Il lento sfumare delle foglie, che si ritrova nella tavolozza dei colori, fa poi da spunto anche per gli effetti jacquard e le stampe multiple che si ritrovano nelle diverse sovrapposizioni di cui la collezione si arricchisce.
Ogni capo è infatti una fine composizione di strati che, secondo le regole della creatività da sempre seguite dal designer, si deformano e si compongono in modo del tutto aleatorio, grazie alla speciale tecnica Steam Stretch che utilizza il calore del vapore per deformare i tessuti.

Issey Miyake, proseguendo quanto iniziato con la pre-fall 2014, propone così una collezione dalla bellezza naturale ma allo stesso tempo sofisticata, ricca di suggestioni e preziosa di dettagli.