Un morto e un ferito. È il bilancio provvisorio di un’esplosione avvenuta nella notte all’interno dell’aeroporto di Istanbul Sabiha Gokcen, il secondo scalo internazionale della città dopo Ataturk. L’aeroporto si trova nell’area asiatica della città ed è gestito dalla Malaysian Airports Holding. La notizia dell’esplosione nello scalo è stata resa nota dalla Pegasus Airlines e confermata dalle autorità locali. Stando alle prime informazioni fornite dalla compagnia aerea e dalla polizia turca la deflagrazione sarebbe avvenuta intorno alle 2:05 di notte.

Al momento non si conoscono le cause dell’esplosione. A quell’ora della notte nell’area interessata dalla deflagrazione, la zona in cui vengono parcheggiati gli aerei, non transitavano passeggeri. A rimanere coinvolte nell’esplosione sono state due addette alle pulizie appartenenti allo staff della Pegasus Airlines che stavano lavorando su un aereo appena fuori dal terminal. Probabilmente l’ordigno si trovava all’interno del velivolo o in prossimità dell’aereo. Una delle due donne, la trentenne Zehra Yamac, è rimasta ferita gravemente alla testa e secondo quanto riportano i media locali è deceduta poco dopo. L’altra donna coinvolta nell’esplosione, Canan Celik Burgucu di 33 anni, ha riportato ferite alla mano. Le due donne sono state trasportate al Pendik Research and Training Hospital di Istanbul.

A seguito dell’esplosione nell’aeroporto di Istanbul sono scattate misure di sicurezza più rigide. La polizia ha deciso di rafforzare i controlli ai gate e ha attivato le procedure antiterrorismo. Le autorità turche stanno indagando sull’esplosione per accertare un’eventuale matrice terroristica. L’annuncio di un’indagine in corso è stato dato dal governatore di Istanbul Vasip Sahin.

Le autorità aeroportuali hanno comunicato che l’esplosione non ha avuto alcuna conseguenza sui voli in partenza e sugli arrivi. Il traffico aereo prosegue regolarmente mentre gli agenti hanno circondato lo scalo e con l’ausilio di mezzi speciali cercano di identificare eventuali persone sospette e veicoli abbandonati vicino all’aeroporto. La compagnia che gestisce lo scalo sta collaborando alle indagini con la polizia e ha annunciato che presto verrà diffuso un rapporto sull’esplosione.