Il 2014 è stato un anno di record negativo delle nascite, mentre aumenta la speranza di vita degli italiani. E’ questo il quadro dipinto dall’Istat, che nel suo report sugli indicatori demografici stimati nel 2014 ha delineato un quadro abbastanza preciso di quello che è il movimento sociale italiano dell’anno appena concluso.

Le nascite sono in calo rispetto al 2013: quasi cinquemila in meno, con la quota che si ferma a 509 mila nascite nei 12 mesi appena conclusi. E questo nonostante, nel report, vengano calcolati tutti i cittadini regolarmente registrati, quindi anche le tanto famose donne straniere che sembrano mantenere una certa regolarità nel dare alla luce bambini. La media figli è infatti di 1,31 per le donne italiane, 1,97 per le straniere

Numeri che, più o meno, si ripetono anche quando si tratta di calcolare le persone morte: nel 2014 sono state 597mila, circa quattromila in meno rispetto al 2013. In aumento, invece, la speranza di vita degli italiani: ora è di 80,2 anni per gli uomini e 84,9 anni per le donne. Incremento demografico, in linea generale, dello 0,4 per mille, il più basso però degli ultimi dieci anni.