La gara amichevole è stata cancellata a causa del terremoto

Quest’oggi la nazionale di Cesare Prandelli avrebbe dovuto disputare una gara amichevole a Modena in vista dei prossimi Europei in Polonia e Ucraina, viste le scosse di terremoto nonostante la’gibilità dell’inpianto si è deciso di non giocare per rispetto verso le vittime.
Questa mattina in Emilia-Romagna si sono registrate forti scosse di terremoto, purtroppo hanno perso la vita circa dieci persone, dopo i sopralluoghi allo stadio di Modena la FIGC, seppur con l’agibilità concessa ha deciso di non giocare, la comunicazione ufficiale è stata data in conferenza stampa da Demetrio Albertini, ex giocatore del Milan ora vicepresidente della federcalcio.
Demetrio ALbertini in conferenza stampa ha dichiarato: “Non potevamo giocare questa partita nel rispetto del lutto che ha colpito l’Emilia e tutta l’Italia. Il primo pensiero è stato per le vittime del terremoto. Ci siamo consultati con la Questura, con gli emissari del Ministero dell’Interno, gli amministratori locali e la Prefettura e alla fine, nonostante lo stadio fosse perfettamente agibile e ci avessero garantito tutte le dotazioni di sicurezza in caso di scosse durante la partita, per rispetto a questa terra martoriata e a queste vittime, e anche per non incidere sul lavoro delle forze dell’ordine, molto più importante in altre zone, abbiamo deciso di annullare l’amichevole”.
Cesare Prandelli e tutto lo staff della nazionale sono stati favorevoli all’annullamento del match e sono vicini al lutto che ha colpito molte famiglie.