Nuove svolte nelle indagini sull’omicidio di Gaia Molinari, la ragazza piacentina di 29 anni uccisa a Natale a Jericoacoara, in Brasile. Le autorità locali hanno arrestato in quanto “sospetta” Miriam Franca, la ragazza di Rio de Janeiro con cui Gaia si era recata pochi giorni prima di Natale. A confermarne la notizia sono stati i media locali che hanno riportato le dichiarazioni di Miriam rese agli investigatori secondo i quali nelle parole della giovane brasiliana ci sarebbero state troppe “contraddizioni”. Le autorità, precisano le fonti, intendono compiere delle verifiche e ”vogliono vedere più chiaro” quanto da lei riferito.

Miriam Franca nel suo primo interrogatorio aveva indicato come sospetto un ragazzo conosciuto sul posto ma, probabilmente a causa delle pressioni fattegli dagli investigatori, la ragazza si sarebbe contraddetta troppe volte. Conosciutesi nell’ostello che le ha ospitate entrambe dal 21 dicembre 2014, Miriam e Gaia avevano fatto insieme il check-out pronte a partire la notte del 24, poco prima del ritrovamento del corpo senza vita della ragazza piacentina.

Fin dal primo momento la versione della Franca non aveva destato nessun sospetto e le indagini si erano appuntate su uno straniero, probabilmente italiano. Dopo le evidenti contraddizioni emerse nelle testimonianze della brasiliana, gli inquirenti hanno deciso di arrestarla. Il corpo di Gaia sarà cremato nella città brasiliana di Fortaleza e, successivamente, spedito in Italia, non appena rilasciato dalle autorità del Paese sudamericano.

Foto: profilo Facebook Gaia Molinari