C’è apprensione per la sorte di due giovani italiane, Vanessa Marzullo e Greta Ramelli, che sarebbero state rapite ad Aleppo, città della Siria, secondo le prime ricostruzioni e voci che arrivano. Le due ragazze sono le fondatrici del Progetto Horryaty, un’iniziativa di solidarietà. Erano entrate nel paese il 28 luglio scorso da Atma. Poche e confuse sono per ora le notizie: non è dato sapere se Vanessa e Greta sono arrivate in Siria con medicinali e viveri o solo per analizzare la situazione.

Quello che sembra chiaro è che il rapimento sarebbe avvenuto ad Aleppo intorno alle quattro di notte tra il 31 luglio e il primo di agosto. A sequestrarle una decina di uomini armati che le hanno prelevate proprio nella casa dove vivevano. Successivamente liberati i due siriani che erano con loro. La Farnesina si è messa in movimento per rintracciare le ragazze, anche se Vanessa e Greta erano già state in Siria a marzo 2014 e quindi erano abbastanza conosciute.

Italiani rapiti in Libia: liberati i due tecnici sequestrati a gennaio

Italiani rapiti in Libia: due operai calabresi sequestrati da un gruppo armato

Sequestro italiani in Nigeria: liberati i tre marinai rapiti