Un uomo italiano ucciso a Londra, il cui corpo sarebbe stato ritrovato il 24 settembre scorso. È stata quindi svelata l’identità del corpo che gli inquirenti avevano ritrovato nel Regent’s Canal, legato ad un carrello della spesa. Si tratterebbe di Sebastiano Magnanini, 46 anni, originario della città di Venezia ma da qualche mese residente proprio a Londra, dopo aver viaggiato in vari del Paesi del mondo tra cui Colombia, Cambogia e Thailandia.

La polizia inglese non crede affatto che l’italiano ucciso a Londra possa essersi in realtà suicidato: i primi rilievi farebbero presupporre che l’uomo sia stato effettivamente ucciso da qualcuno e adesso si dovrà soltanto accertare la verità di quanto realmente accaduto. Gli inquirenti stanno anche aspettando i risultati dell’autopsia, che potrà svelare certamente dettagli importanti al fine della ricostruzione.

L’identità di Magnanini non era stata subito rilevata tant’è che la polizia, in seguito al ritrovamento del cadavere, è stata costretta a diramare un appello pubblico, nella speranza di ottenere un aiuto valido per stabilire chi fosse la persona ritrovata priva di vita. Sarebbero stati soprattutto i tatuaggi ad aiutare nell’identificazione dell’italiano ucciso a Londra. E qualche giorno dopo l’appello ha avuto i suoi effetti perché finalmente si è potuto restituire un nome al corpo di Sebastiano Magnanini. Speriamo che presto potrà essere svelata anche la verità su quanto accaduto e che l’uomo possa avere infine giustizia.