Voleva ritrovare l’innocenza “des enfants” (dei bambini) per questo Alain Renè Francois Fourrè, nato a Niort in Francia ha digiunato per tre settimane nutrendosi solo di acqua che gli sarebbe servita per purificare il suo corpo dalle contaminazioni del cibo.

Morto di fame, dunque, nella sua casa sulle montagne di Issiglio vicino Ivrea. L’uomo, ancora agonizzante è stato trovato dalla compagna Claire, a nulla sono valsi i tentativi di soccorrerlo: l’uomo è morto dopo il tentativo della donna di salvarlo con un massaggio cardiaco.

All’arrivo del 118 i paramedici hanno constatato la morte per “estremo deperimento”. La compagna Claire, che ha intrapreso lo stesso percorso purificatore di Alain, ha dichiarato a Repubblica:

Alain era convinto che cibo e aria ci contaminano -racconta- aveva già fatto altri percorsi non mangiando. Questa volta però è andato oltre Avevo intrapreso lo stesso cammino, ma ho smesso di digiunare dopo due settimane rendendomi conto che stavo diventando troppo debole. Alain era tre settimane che non mangiava, aveva smesso di bere anche le tisane zuccherate, ingoiava solo acqua. Ho cercato di convincerlo a mangiare ma lui mi ha risposto di non preoccuparmi, che andava tutto bene. Avrei potuto forzarlo, ma lui avrebbe vomitato

Foto: InfoPhoto