Il centenario di un personaggio che ha realmente migliorato la vita delle persone, Jonas Salk: il doodle che Google ha diffuso il 28 ottobre è dedicato ai cento anni della nascita dello scienziato americano che scoprì il vaccino contro la poliomelite.

Americano, Salk nacque a New York da immigrati ebrei russi. Dopo la laurea in scienze e la specializzazione in medicina, gli venne offerto un lavoro in un progetto di ricerca finanziato dall’esercito per sviluppare un vaccino contro l’influenza, poi effettivamente prodotto e usato dalle forze armate.

Sul finire degli anni ’40 entrò nella fondazione, fondata dall’ex presidente Franklin Delano Roosevelt, in cui si compivano ricerche sulla poliomelite: una malattia che ogni anno provocava migliaia di vittime, soprattutto bambini (nel 1952 furono 58.000 solo negli Stati Uniti). Fu proprio Salk a realizzare un vaccino efficace alla fine del 1954. Nel 1955 la scoperta fu annunciata al mondo.

Il nuovo vaccino venne prodotto su larga scala e somministrato in breve tempo a più di 440.000 bambini negli Usa, in Canada e in Finlandia. Successivamente venne diffuso anche nelle altre nazioni del mondo.

Salk morì il 23 giugno 1955. Il doodle raffigura alcuni bambini che giocano felici intorno allo scienziato. Due di essi reggono un cartello con la scritta, in inglese, “Grazie, dottor Salk”.