Lorenzo Jovanotti è partito alla conquista degli Stati Uniti.

Sulla sua FanPage di Facebook, il cantante racconta l’emozione della recensione ottenuto dal New York Times e scrive “Mi hanno messo sul New York Times! Ecco la recession al disco che uscirà negli Stati Uniti (e in digitale anche negli altri paesi del continent americano) per la ATO RECORDS (etichetta discografica independente tea le migliori al mondo). Ragazzi,it’ s a big satisfaction,e voglio condividerla con voi,because essere sul New York Times per un italian, nella sezione degli spettacoli, is a beautiful thing”.

E come dargli torto?

L’album a cui fa riferimento la recensione è una raccolta dei singoli più fortunati del ‘rapper’ italiano dal 1988 al 2012 e contente quattro tracce  di cui due inedite, ovvero ‘New York for life’, ‘Con la luce negli occhi’, e due nuove versioni di ‘La porta è aperta’ e ‘Mezzogiorno’.

Il New York Times descrive così il nostro Jovanotti “in a career that has made him a superstar in Italy, Jovanotti has been an intellectual and a scamp, a rocker and a rapper, a poet and a provocateur, a cynic and a romantic. His songs have delved into myth, comedy, protest, reflection and romance” ovvero “in una carriera che lo ha reso una superstar in Italia, Jovanotti è stato un intellettuale e una canaglia, un rocker e un rapper, un poeta e un provocatore, un cinico e un romantico. Le sue canzoni investigano sul mito, la commedia, la protesta, la riflessione e il romanticismo”.