L’organizzazione di hacker Anonymous ha lanciato un’operazione contro il Ku Klux Klan ribattezzata HoodsOff, “Giù i cappucci”. Gli attivisti hanno rivelato decine di nomi dei membri del Ku Klux Klan, associazione razzista nata negli Stati Uniti che sostiene la superiorità della razza bianca e si è macchiata negli anni di diversi crimini efferati e vere e proprie spedizioni punitive contro le persone di colore.

I membri del Ku Klux Klan sono sempre riusciti a mantenere l’anonimato nel corso delle loro riunioni e incursioni grazie ai cappucci che coprono l’intero viso lasciando aperte solo due fessure per gli occhi. Il nome dell’operazione di Anonymous “Giù i cappucci” è significativo perché l’azione mira a smascherare una volta per tutte i membri del Ku Klux Klan.

L’organizzazione ha già rivelato i nomi, i numeri di telefono, le mail e gli indirizzi di 57 membri e minaccia di svelare oltre 1.000 nomi il 5 novembre prossimo quando l’operazione HoodsOff entrerà nel vivo. Le rivelazioni di Anonymous potrebbero mettere nei guai molti politici famosi che militano di nascosto nel KKK e vedrebbero macchiarsi la loro reputazione. Anche se l’influenza del KKK è andata scemando negli ultimi anni al momento il movimento razzista in America conta tra i 5 mila e gli 8 mila membri. L’operazione di Anonymous mira a smascherare i membri più illustri per sradicare l’intera organizzazione. Nelle scorse ore decine di siti collegati al Ku Klux Klan sono stati hackerati.

I leader di Anonymous spiegano che uscire allo scoperto è la strategia giusta:

Dopo avervi attentamente e a lungo osservati siamo sicuri che l’applicazione della trasparenza alle vostre cellule organizzative sia l’azione più appropriata. Continueremo la nostra missione in maniera efficace e responsabile. Apprezziamo la vostra pazienza e il vostro sostegno per questa iniziativa.

Leader del Ku Klux Klan: nomi dei membri resteranno segreti

Uno dei leader del KKK ha risposto all’attacco degli hacker spiegando che loro fonti non sono corrette e che i nomi dei membri dell’organizzazione resteranno segreti e protetti ancora a lungo.