‘Il 2011 è stato un anno difficile per l’economia in generale anche se il porto ha retto i contraccolpi e i traffici sono rimasti abbastanza stabili. L’amministrazione ha mantenuto una gestione ferma e oculata, le spese sono scese a livelli minimi. Gli investimenti hanno riguardato le opere complementari alla piattaforma contenitori di Vado e le aree retro portuali’ così ha parlato presidente del Comitato Portuale di Savona, Rino Canavese, a seguito dell’approvazione del bilancio consuntivo 2011 dell’Authority.

Sono stati registrati 16.684.617 euro di entrate, a fronte degli 8 milioni 315.442 euro di spese, per un avanzo di 8.369.175 euro.

Per gli investimenti ne sono stati destinati 7.662.569 euro, di conseguenza l’avanzo di competenza è di 712.606 euro.

Il Porto di Savona ha saputo gestire la propria cassa in maniera eccellente anche, e soprattutto, se si considera il periodo economico e storico attuale.

Si è saputo risparmia sulle spese pubblicitarie, così come sulle consulenze esterne e sulle spese di rappresentanza.