A volte la crudeltà umana nei confronti degli animali supera ogni limite morale. Di storie insensate se ne sentono quasi ogni giorno, così come quella che arriva da Oristano in Sardegna che sta commuovendo l’intero mondo del web.

Ad una cagnolina è stata inflitta una tortura talmente crudele che, guardando le sue foto, non è possibile neanche riconoscere la razza a cui appartiene. Al collo della cucciola era, infatti, stato stretto un laccio di nylon che le ha provocato un gonfiore eccessivo al muso e che rischiava addirittura di decapitarla. Fortunatamente i veterinari della clinica della città ‘Duemari‘  hanno trovato giusto in tempo l’animale, traendolo in salvo da una morte certa e prestandogli le cure necessarie. Visto il suo gonfiore i medici hanno voluto chiamare scherzosamente la cagnolina “Palla” che, vista la sua triste storia, è diventata una vera e propria star del web. Le sue foto ormai campeggiano su tutti i social ed è partita già una vera e propria campagna di solidarietà degli internauti pronti ad aiutare la piccola cucciola in ogni modo.

Pensavo in tanti anni di carriera di aver visto di tutto . Ma una situazione del genere mai vista …da Terralba . …

Pubblicato da Clinica Veterinaria Duemari su Lunedì 25 gennaio 2016