Da oggi la donna più anziana al mondo è l’italiana Emma Morano, che ha sulle spalle ben centosedici primavere (centodiciassette il prossimo 29 novembre). La signora, che è nata nel 1899 in provincia di Vercelli ma che oggi risiede a Verbania, è riuscita a conquistare di diritto il primato dopo la scomparsa della detentrice del record, la signoria Susannah Mushatt Jones, che si è spenta in una casa di riposo di Brooklyn, negli Stati Uniti.

La donna più anziana al mondo Emma Morano ha incuriosito spesso i media, che si sono occupati di lei e della sua età da record. In passato la donna aveva avuto modo di raccontare quale fosse, secondo lei, il tenore di vita che l’aveva portata a vivere così tanto a lungo da battere ogni primato. I centosedici anni della donna più anziana al mondo sarebbero stati il frutto di una vita pressoché da single e merito di un’alimentazione, a suo dire, fatta di tre uova crude al giorno, di biscotti e di carne tritata sciolta nel brodo.

A dispetto della sua età, Emma Morano ha sempre fatto tutto da sola in casa e soltanto di recente si è vista costretta a ricorrere all’ausilio di una badante. La sua vita da single va avanti dal 1938: proprio in quell’anno la donna ha perso un figlio di pochi mesi e in seguito a quell’episodio drammatico ha deciso di separarsi dal marito. Per non sposarsi mai più.

Se il segreto della sua longevità dovesse essere proprio quello da lei affermato – alimentazione a base di carne e uova -, la donna più anziana al mondo potrebbe essere davvero un bel grattacapo per coloro che sostengono da sempre che un abuso di carne e di proteine faccia tutt’altro che bene alla salute.