Una grande batosta per la Mars, una delle più grandi multinazionali statunitensi nel campo dei dolciumi. L’allarme è partito da un consumatore che ha ritrovato un pezzetto di plastica rossa in una barretta Snickers comprata l’8 gennaio scorso.

Per questo motivo il colosso ha ritirato i famosi snack amati dai ragazzi e non solo dai negozi di ben 55 Paesi. Sotto accusa non solo le barrette Mars ma anche i lotti di altri snack come Snickers, Milky Way Mini, Miniatures e le confezioni miste “Celebrations” con data di scadenza compresa tra il 19 giugno 2016 e l’8 gennaio 2017. Eline Bijveld, coordinatrice per gli affari societari di Mars per l’Olanda, ha però sottolineato che il richiamo riguarda solo le barrette prodotte in Olanda nella fabbrica di Veghel ed esportate all’estero, confermando le indagini in corso:

“Stiamo indagando su cosa sia accaduto esattamente, ma non siamo certi che questo pezzetto di plastica rossa non sia in un altro prodotto della stessa linea”.

Per evitare che qualcuno acquisti un prodotto contenente pezzi di plastica che potrebbero provocare soffocamento la multinazionale statunitense ha deciso, quindi, il richiamo che riguarda gran parte dei Paesi europei, tra cui l’Italia, la Francia, la Germania e la Gran Bretagna, senza però toccare gli Stati Uniti.