Impatto zero. Questo l’obiettivo della Regno Unito che conta, entro i prossimi anni, di sfruttare l’energia prodotto dal vento e della onde del mare per alimentare le aziende e le abitazioni del paese.

Per rendere possibile tutto ciò, il Regno Unito ha deciso di investire 20 milioni di sterline sui due progetti ecoenergetici che vinceranno la gara indetta dal governo stesso.

Si tratta di un investimento importante in cui però il governo crede fermamente.

L’energia prodotta dalle onde del mare e dal vento può infatti essere sfruttata e convertita in energia adatta ad alimentare case e imprese, come sottolinea anche lo stesso Greg Barker, Ministro dell’Energia e del Cambiamento Climatico.

Questo progetto si chiama Marine Energy Array Demonstrator scheme (Mead) e, come afferma Barker ‘ci porterà a compiere un passo fondamentale verso la realizzazione delle nostre ambizioni di generare energia elettrica dalle onde e dalle maree’.

Attualmente 7 degli 8 dispositivi installanti in tutti il mondo sono in acque britanniche e il 50% delle aziende che investono e sono leader di questo settore, si trovano nel Paese.

Insomma è evidente l’impegno che il Regno Unito sta dimostrando, ecco perché il governo è convinto che non ci si debba fermare, ma, anzi, ricorda quanto sia importante continuare ad investire onde evitare che altri Stati possano un giorno superare quanto fatto fino ad ora.