Lillian Weber ha 99 anni una passione per il taglio e il cucito che ha deciso di mettere a disposizione dei bambini africani. Ogni giorno infatti la donna produce un vestito: la mattina fa il taglio e cucito, dopo la pausa pranzo qualche ultimo ritocco qua e là e per l’ora del tè il vestito da mandare a un bambino in Africa è pronto.

Negli ultimi due anni Lillian ha realizzato 850 capi e per il suo 100esimo compleanno, che cadrà il prossimo 1 maggio, il suo obiettivo è quello di sforare quota mille.

Finchè ne sarò in grado, non smetterò: mi piace cucire e non saprei come passare la giornata altrimenti” ha dichiarato la donna all’Indipendent.

Da quando la 99enne ha letto un annuncio della ong “Little Dresses for Africa” su un giornale locale che cercava volontari per inviare i vestiti nel continente, la donna si dedica giorno e notte ai meno fortunati e i suoi nipoti (32 in tutto) sono orgogliosi di lei.

“Mia nonna ha imparato a cucire all’età di 8 anni: era lei a realizzare le nostre uniformi scolastiche, o a riparare i nostri vestiti, da piccoli -ha raccontato uno di loro- Sarebbe stata in grado di cucire anche di cucire due abiti al giorno, ma l’abbiamo obbligata a non sforzarsi troppo”. Una super nonna a cui auguriamo altri 100 di questi anni.