Tragedia ad Acquasanta, località in provincia di La Spezia, dove due ragazzi sono morti tentando di scappare dopo aver commesso un furto.

La coppia infatti avrebbe provato a trovare una via di fuga saltando al di là di un guardrail in una zona boschiva in prossimità di una cava abbandonata: tuttavia il loro è stato un salto nel vuoto di circa 50 metri, purtroppo fatale.

La polizia ha trovato nella serata di ieri i cadaveri, in una scarpata lungo la strada statale Litoranea. Sabato sera era stato sventato un furto nelle vicinanze: la proprietaria, allarmata da rumori sospetti, aveva acceso la luce esterna della casa, dando il via alla fuga della coppia di ladri.

O almeno questa è l’ipotesi avanzata dal procuratore capo Antonio Patrono e dal sostituto Federica Mariucci che si stanno occupando del caso insieme ai loro uomini: i due ladri erano vestiti di nero, e sui loro corpi sono stati trovati dei cacciaviti. Dalle primi analisi mediche si escludono altri tipi di ferite dovute a un regolamento di conti.

A dare l’allarme inoltre è stato un amico, un ragazzo albanese a conoscenza delle intenzioni dei due, che si era preoccupato non vedendoli tornare. Al momento è stato identificato solo il cadavere del 19enne Fabiol Kycyku, di cui era stata denunciata la scomparsa domenica scorsa.