Nick Vujicic è un uomo che fin dalla nascita si trova a dover vivere senza arti inferiori e superiori a causa di una malattia congenita che lo affligge.

L’uomo è provvisto soltanto di due dita deformi che autoironicamente definisce “la mia zampa di gallina”, l’infanzia e l’adolescenza non gli hanno certamente reso la vita facile: a 10 anni aveva in mente di suicidarsi, ma per non far soffrire i suoi genitori, ci ripensò. Oggi Nick ha 32 anni e, seppur con tanta fatica e forza di volontà, definisce la sua vita bellissima.

Nel 2012 ha sposato Kanae Miyahara dalla quale ha avuto un figlio l’anno scorso e alla sua famiglia ha dedicato il suo ultimo libro “Love without limits”.

Nonostante la sua disabilità, con le sue uniche dita, Nick di mestiere fa lo scrittore: “Riesco a scrivere 43 caratteri al minuto, anche 53 se bevo due tazze di caffè” dichiara. Il suo è un mestiere che gli permette di andare in giro per il mondo per raccontare la sua vita. A fatica, è riuscito a far diventare “normali” tutte quelle cose che ognuno di noi fa abitualmente e che una persona con la sua disabilità non riuscirebbe a fare.

Così, con un po’ di inventiva oggi Nick riesce a lavarsi i denti con uno spazzolino fissato al muro, nuota spingendosi con le anche, riesce a fare la spesa e addirittura a fare surf. La sua forza l’ha trovata nella fede: “Quando avevo otto anni mi dicevo che non avrei avuto nulla nella vita, non avrei avuto un lavoro e non avrei avuto una moglie: come avrei potuto avere una moglie senza poterla tenere per mano? Non posso fingere che la mia vita sia stata facile. Ma ora è piena di gioia, di amici e persone che amo e che mi vogliono bene. Tutti facciamo errori, ma nessuno è un errore. Ma dovete osare di sognare. Dovete osare di aver fede, credere nell’amore, nella verità, nei principi. Prendete un giorno alla volta e non arrendetevi mai!

Una bella lezione di vita che dovrebbe farci riflettere sulla fortuna che noi abbiamo ogni giorno.