Utilizzare i social deve implicare sempre molto attenzione e accortezza, soprattutto se ad apparire in status e foto lanciate sul web sono i minori. È questo il caso di un messaggio virale che si è diffuso su Facebook con il sistema delle classiche catene di Sant’Antonio e che invitava le mamme del web a pubblicare foto con i loro bambini.

Il messaggio, che si è trasmesso di mamma in mamma, ha coinvolto tantissime donne che hanno risposto prontamente alla sfida postando scatti dei piccoli di casa:

“Sfida delle mamme. Sono stata nominata da @@@@@@ per postare 3 foto che mi rendano felice di essere mamma. Scelgo alcune donne che ritengo siano grandi madri. Se sei una madre che ho scelto copia questo testo inserisci le tue foto e scegli le grandi madri”.

Fortunatamente ad entrare in azione è stata la polizia postale che, cercando di bloccare il prima possibile questo flusso di foto di minori online, ha lanciato un messaggio attraverso il profilo Facebook “Una vita da social“, allarmando le donne e sottolineando che molti siti atti alla pedofilia spesso captano il loro materiale dal web:

“Mamme. Tornate in voi. Se i vostri figli sono la cosa più cara al mondo, non divulgate le loro foto in Internet. O quantomeno, abbiate un minimo di rispetto per il loro diritto di scegliere, quando saranno maggiorenni, quale parte della propria vita privata condividere. Se questo non vi basta, considerate che oltre la metà delle foto contenute nei siti pedopornografici provengono dalle foto condivise da voi“.

Da alcuni giorni circola questo messaggio tra le mamme, diffuso con il sistema delle Catene di Sant'Antonio:"Sfida delle…

Pubblicato da Una vita da social su Sabato 20 febbraio 2016