L’intervista non è ancora andata in onda ma ha già fatto scalpore. Perché dopo il “coming out” (mica tanto inaspettato) sull’omosessualità di Jodie Foster, ne è arrivato un altro, che non rivela niente di nuovo, ma fa notizia. Perché Lance Armstrong (foto by Infophoto), il plurivincitore di 7 Tour de France radiato a vita dal ciclismo per doping, ha ammesso di essersi dopato. E per confessare ciò che finora aveva sempre negato ha scelto un mostro sacro del giornalismo americano, Oprah Winfrey.

Le parole del campione americano non sono ancora state udite dal pubblico, l’intervista andrà in onda giovedì 17 gennaio, ma l’eco della registrazione è già rimbalzata sui giornali d’oltreoceano. Una chiacchierata di un’ora e mezza nella casa del campione, sul cui contenuto svelato il ciclista e la presentatrice non hanno fatto commenti. Oggi Oprah sarà sulla Cbs per parlare e si vedrà se smentirà o confermerà le indiscrezioni, che arrivano lo stesso giorno delle scuse fatte da Armstrong ai membri della sua fondazione Livestrong.

Il ciclista sembra dunque sulla via del ravvedimento. Scuse, ammissioni e sembra anche l’intenzione di testimoniare contro chi sapeva e lo ha aiutato a doparsi. Una scelta che potrebbe metterlo in buona luce ma che certo non gli ridarà i 7 titoli che gli sono stati tolti per demerito.  Lo stesso Armstrong poi potrebbe essere al centro di una causa legale, intentata da un suo collega, con l’accusa di aver defraudato la sua squadra di 30 milioni di dollari quando ne era lo sponsor.