Oggi al via la Leopolda 2015, uno spazio presente all’interno della città di Firenze in cui vengono discussi e condivisi idee e progetti. La convention, alla sua sesta edizione, prende il suo nome dal luogo in cui è ospitata, la Stazione Leopolda del capoluogo toscano, costruita nella metà dell’Ottocento e oggi spazio storico-artistico davvero unico, in grado di ospitare manifestazioni ed eventi legati al mondo della cultura e della creatività contemporanea. L’edificio è collocato nei pressi della Porta al Prato, accanto al Parco delle Cascine, ad un solo chilometro in linea d’aria dal Ponte Vecchio a Firenze (qui trovate altri dettagli sulla Leopolda).

La Leopolda 2015, che come al solito vedrà come protagonista anche il Premier Matteo Renzi, sarà incentrata sul movimento contro la vecchia classe dirigente e la responsabilità di governo. Tutti coloro che vorranno intervenire sul palco della manifestazione avranno a disposizione i classici cinque minuti ma la novità di quest’anno è che non vi saranno i tavoli di discussione a cui partecipavano onorevoli e non.

Il programma della Leopolda 2015 sembra piuttosto semplice: il primo giorno si farà un riassunto del 2015 e a guidare il tutto vi saranno due leopoldini storici, Ciro Bonajuto, sindaco di Ercolano, e Ottavia Soncini, vicepresidente del consiglio regionale dell’Emilia Romagna. Sabato inizierà invece la discussione sul 2016 e su quello che ci si attende. Per l’occasione ci saranno visite speciali in tre musei di Firenze, aperti per oltre l’orario consueto: quello dell’Opera del Duomo – recentemente rinnovato – quelli di Palazzo Vecchio e di Palazzo Strozzi. Sempre nella giornata di sabato sarà previsto un question time con quattro ministri. Domenica la chiusura sarà affidata al Premier Matteo Renzi. Sul Palco della Leopolda 2015 saliranno infine anche le tenniste italiane Flavia Pennetta e Roberta Vinci.