Stasera si parte con Leopolda5, tre giorni a Firenze – dal 24 al 26 ottobre dunque – in cui saranno discussi e condivisi idee e progetti. La convention prende il nome dal luogo in cui è ospitata, la Stazione Leopolda del capoluogo toscano, bellissima stazione costruita nella metà dell’Ottocento e oggi spazio storico-artistico davvero unico, in grado di ospitare manifestazioni ed eventi legati al mondo della cultura e della creatività contemporanea. L’edificio è collocato nei pressi della Porta al Prato, accanto al Parco delle Cascine, ad un solo chilometro in linea d’aria dal Ponte Vecchio.

Lo spazio della Leopolda – circa seimila metri quadrati – viene sfruttato per allestire set televisivi, incontri pubblici, meeting aziendali, convention e degustazioni enogastronomiche, sfilate di moda e spettacoli di musica.

Per quanto riguarda invece la Leopolda 5, che come preannunciato partirà questa sera, essa sarà dedicata al tema de “Il Futuro è solo l’Inizio” e i temi di discussione riguarderanno in particolar modo il mondo del lavoro e tutto ciò che vi è collegato (stabilità, vertice Asem, occupazione, Jobs Act). Dopo l’inaugurazione di venerdì 24, sabato 25 sarà la giornata dedicata ai tavoli di confronto sui temi appena elencati: saranno ben 100, 50 al mattino e 50 al pomeriggio, gestiti da 100 autorevoli relatori (politici, esperti, specialisti). Perché la Leopolda5 vuole proporsi prima di tutto come spazio di confronto.

Si alterneranno anche ospiti che grazie al racconto delle loro esperienze e delle loro storie cercheranno di far capire che l’Italia è davvero una Repubblica fondata sul lavoro. E domenica 26 il gran finale, con la presenza di Matteo Renzi, che dal palco della Leopolda farà il suo intervento conclusivo (inizio alle ore 9:30).

(photo credit: @Leopolda pagina Facebook ufficiale)